DEDICATO AI GIOCHI DI RUOLO D'ISPIRAZIONE TOLKIENIANA 

 

menù -->

gdr / download

tolkien

TAVERNA

rubriche

LA CREW

info

SOTTOmenù -->

AVVENTURE & CO. INCONTRI

HUMOR

PG & CO. CHI SIAMO

 

info

...:: EVENTI ::...

 

1° TORNEO DI GIRSA DEL MEDIO ADRIATICO

9 settembre 2006

 


 

INTRODUZIONE

 

LE FOTO

 

LA CRONACA

 

I COMMENTI DAL NOSTRO FORUM

 

LA SCHEDA UTILIZZATA DAI MASTER PER LA VALUTAZIONE DEI GIOCATORI [9 K]

 

IL BACKGROUND DEI PG [7 K]

 

LE SCHEDE DEI PG UTILIZZATI AL TORNEO [14 K]

 

 

INTRODUZIONE

di Gianfranco "Monfa" Monfardini

 

"La situazione era precipitata all'improvviso. All'inizio si era trattato solo di qualche bagliore sulle montagne, di qualche lontano grido che veniva trasportato dal vento... ma poi... come miriadi di lucciole estive i bagliori si erano intensificati, le grida si erano fatte più vicine, più rauche, più disperate, e ad esse si erano mescolati canti di guerra. Come una mare incontrollabile, sull'altopiano si erano riversati prima gruppi di orchi in fuga, poi, i loro inseguitori: l'esercito dei nani, guidato dallo stesso Thrain, incalzava i fuggitivi allo spietato grido di <Azog! Azog!>.

L'impaurito gruppetto di uomini guidato da Joris e Arjen si trovò ben presto nel mezzo dello scontro. Il clangore delle armi che cozzavano le une sulle altre, gli scudi spezzati, gli elmi spaccati... ovunque intorno a loro orchi e nani si combattevano senza possibilità di resa. Fu all'ora che un orchetto ferito e ricoperto di sangue urlò ai suoi compagni, attirandone l'attenzione sui due elfi che accompagnavano gli sfortunati uomini dei boschi. Fu così che anche loro si trovarono costretti a combattere, loro malgrado, una feroce battaglia, dove le urla dei moribondi echeggiavano sin nelle valli delle Montagne Nebbiose."

 

Questo è solo un passo dell'avventura che ha fatto da sfondo al Primo Torneo di GiRSA del Medio Adriatico - “Kings of Crew 2006” che si è svolto il 09 settembre presso il Salone Polivalente del Green Park Hotel di Tortoreto Lido (Te). Da anni sono un master di GiRSA (il Gioco di Ruolo del Signore degli Anelli), e covavo il sogno di organizzare un torneo, una manifestazione che raggruppasse giocatori da ogni dove, e ridare lustro a questo fantastico gioco di ruolo (gdr), forse dimenticato un po' troppo presto. Dopo molto rimuginare, finalmente, nel mese di aprile mi sono deciso ad organizzare la manifestazione. Come prima cosa ho avvertito i ragazzi del mio gruppo di gioco a Brescia, ma conscio delle loro limitate possibilità d'aiuto, mi sono rivolto ad Alessio (aka “Geko”), l'admin della comunità web più importante per quanto riguarda i gdr d'ispirazione tolkeniana: il "GiRSA crew" (www.girsacrew.it). L'idea gli piacque moltissimo e ci dividemmo i compiti: io mi occupai della fase organizzativa, mentre suo sarebbe stato il computo di pubblicizzare l'evento sul web.

I problemi organizzativi, non lo nascondo, non furono certo pochi: trovare un'avventura che si adatti ad una seduta di gioco che duri 4/5 ore al massimo non è facile, e nemmeno semplice il fatto che deve trattarsi di un'avventura che abbia certi crismi di giocabilità, di recitazione e coinvolgimento. Un fatto è ritrovarsi a casa fra i soliti amici e giocare un'avventura per diverse settimane, se non mesi, un altro paio di manche è dover masterizzare o giocare con delle persone che probabilmente non hai mai conosciuto prima, e portare a termine il tutto nel giro di poche ore. Trovai su una vecchia funzine un'avventura che debitamente modificata poteva fare al  mio caso. La rielaborai, creai dei personaggi e delle opzioni nuove, elaborai strategie e  delle controproposte valide e coerenti. Creai anche le schede di gioco, con tutto l'inventario delle attrezzature necessarie ai giocatori. Conciliare il mio lavoro con tutto questo è stata una vera impresa.

La notizia dell'evento cominciava a diffondersi sul web, dapprima sui forum gemellati al nostro, poi, pian piano, anche ad altri. Durante tutta l'estate fui contattato da diverse persone, molte chiesero informazioni, molte mi fecero i complimenti, gli auguri... ma di iscrizioni nessuna. Sino a pochi giorni dalla fine di agosto eravamo ancora in dubbio sull'effettivo svolgimento del torneo. Ma alla fine riuscimmo ad organizzare ben quattro squadre, con partecipanti provenienti dalle province di Roma, Brescia, Teramo, Chieti, L'Aquila e Ascoli Piceno.

Tutto si è svolto nel migliore dei modi: vecchi amici si sono rincontrati, nuove amicizie sono nate, tutti hanno partecipato al meglio delle loro possibilità, portando la propria esperienza ed apprendendone di nuove dagli altri partecipanti.

Dopo ben 4.30 h di gioco ed un consulto fra i vari master, venivano premiate due squadre: un premio speciale per la miglior recitazione ed interpretazione veniva assegnato ai ragazzi di Chieti (Giovanni, Francesco, Pierpaolo ed Emiliano), mentre il premio per la squadra vincitrice, del torneo e del titolo di “Kings of Crew 2006”, andava ad una squadra mista fra Roma e Brescia (Alessio “Geko”, Angel “Valandur”, Sara “Elyanna” da Rm e Stefano “Maso” da Bs). La splendida giornata si è poi conclusa con una cena conviviale ed un brindisi ai campioni.

Ora, a distanza di qualche settimana, devo dire che si è trattata proprio di una bellissima manifestazione, che sicuramente ripeteremo anche l'anno prossimo, rimettendo in palio il titolo di “Kings of Crew”. Erano molti anni che non partecipavo ad un torneo di gdr, direi dagli anni '90, quando partecipai e vinsi diverse edizioni del Brescia Gioca per la categoria del GiRSA. É stato emozionante organizzare il tutto. Ho avuto modo di conoscere molte persone e di confrontarmi con esse su varie questioni, sia sul regolamento di gioco sia sulle questioni puramente tematiche. Vedere tutti che cooperavano e si davano da fare per la riuscita della manifestazione (che devo dire, sento particolarmente mia, anche se patrocinata e sostenuta dal "GiRSA crew",  senza il cui aiuto, probabilmente non si sarebbe svolta) mi ha riempito di gioia.

La mia speranza è che questa manifestazione sia servita a risvegliare il desiderio di giocare maggiormente ai gdr, ed in particolare al GiRSA, e che negli anni a venire i partecipanti siano ancora più numerosi.

Gianfranco "Monfa" Monfardini

 

LE FOTO

 

Squadra 1 (in ordine sparso): Angio il Master (BS), Giovanni, Francesco, Pierpaolo ed Emiliano (tutti di Ch)

 

 

(fai click per ingrandire)

Squadra 2 (da sinistra): Deimos (RM), Wasael (RM), Monfa il Master (BS), Matteo (CH) e Braccio di Quercia (TE)

 

 

(fai click per ingrandire)

Squadra 3 (da sinistra): Geko (RM), Klint il Master (AQ), Elyanna (RM), Valandur (RM) e Maso (BS)

 

 

 

(fai click per ingrandire)

Squadra 4 (da sinistra): Endik (AQ), Marco il Master (CH), mumak (AQ), Taurnil (AQ) e IronCrown (AP)

 

 

(fai click per ingrandire)

Squadra 1

 

 

(fai click per ingrandire)

Squadra 2

 

 

(fai click per ingrandire)

Squadra 3

 

 

(fai click per ingrandire)

Squadra 4

 

 

(fai click per ingrandire)

Squadra 1

 

 

(fai click per ingrandire)

Squadre 1, 2 e 3

 

 

(fai click per ingrandire)

Squadra 3

 

 

(fai click per ingrandire)

Squadre 2, 3 e 4

 

 

(fai click per ingrandire)

Angio (BS), Maso (BS) e i ragazzi de "La Valle delle Ombre" di Roma (con relative consorti e "prole")

 

 

(fai click per ingrandire)

Maso (BS) che mostra la medaglia!

 

 

(fai click per ingrandire)

Wasael (RM) e Monfa (BS)

 

 

(fai click per ingrandire)

Foto di gruppo

 

 

(fai click per ingrandire)

I 4 Master (da sinistra): Angio (BS), Klint (AQ), Monfa (BS) e Marco (CH)

 

 

(fai click per ingrandire)

     
 

LA CRONACA

di Gianfranco "Monfa" Monfardini

 

Era maggio quando finalmente mi sono deciso a realizzare quest’idea che mi frullava nelle testa da molto tempo, un torneo di GiRSA. Erano anni che io non partecipavo ad un torneo, e la voglia di ripetere l’esperienza, questa volta da dietro lo schermo, era tanta. Dopo aver sentito via mail e telefono il buon Geko, abbiamo deciso di dare il via a questo progetto. Una prima edizione “sperimentale” da riproporre annualmente in caso di successo. La sede, ovviamente, il mio hotel: sito in posizione strategica a metà Italia, è facilmente raggiungibile da tutti i giocatori della penisola.
Non nascondo che l’organizzazione è stata davvero impegnativa, e con dei momenti alterni di euforia, timore e sconforto (tipo quando la sera prima del torneo ti avvisano che due dei quattro giocatori da Brescia sicuramente non verranno, e i rappresentati di Ascoli Piceno e Teramo sono assolutamente irreperibili, sia telefonicamente sia via mail…). Ma tutto si è svolto nel migliore dei modi, gli irreperibili si sono presentati regolarmente al via, e l’assenza di alcuni giocatori è stata sopperita.

Sabato mattina mi sono alzato presto, tutto euforico ed eccitato. Ho preparato gli ultimi dettagli: fotocopie, mappe, stampe, cartellini identificativi…
La giornata si presentava un po’ incerta, la sera prima il tempo si era guastato ed aveva piovuto parecchio, dopo tanti giorni di sole. I primi ad arrivare, verso le 10.00, sono stati i marsicani: Klint, Mumak, Endik e Taurnil. Finalmente, dopo molti incontri virtuali sul forum ci siamo ritrovati insieme. Un rapido scambio di battute e le formalità legate al torneo vengono sbrigate. Poco dopo arrivano i primi romani: si tratta di Wasael e di Deimos (con fidanzata, moglie ed erede al seguito) della comunità “La Valle delle Ombre”. Check-in, punzonatura ed ecco arrivare l’avanguardia chietina: il buon Marco con la sua copia del manuale base I edizione. Io pensavo che il mio manuale fosse ridotto male… ma la sua sembrava uscita da un bombardamento israeliano su un campo palestinese…! Il suo manuale, ad occhi inesperti, poteva sembrare solo malridotto, ma ad un master trasmetteva vibranti note di interminabili partite e mirabolanti campagne! Passano pochi minuti ed ecco arrivare il resto della truppa romana: Geko, Valandur e Elyanna. Anche per loro, come per Wasael e Deimos, avevo riservato delle camere in hotel per il pernottamento. Purtroppo mi sono perso il momento dell’incontro fra i marsicani ed il Geko, ma mi dicono si sia trattato di un’incursione tipo occupazione forzata della camera del nostro admin: infatti, Mumak, Endik e Taurnil stavano cercando un posticino tranquillo per cambiarsi ed infilarsi i loro costumino da bagno! Armati di telobagno e sgargianti cuffie (fornite dal sottoscritto) hanno preso possesso della piscina, tuffandosi (effetto tzunami: la piscina ha esondato!), giocando a palla e schizzando i bambini (Napo…!). Nel mentre arrivavano, inattesi da tutti noi, due strani figuri: "buongiorno, siamo due ispettori dell'ASL! Siamo venuti per un'ispezione". La cosa si risolve in venti minuti di sfrantegamento di maroni che si subisce mia moglie Elisa, ma nulla più. Ed ecco che anche i miei “gnari” da Brescia: Angio ed il Maso. Finalmente tutti e quattro i master si sono così potuti sedere a tavolino per un briefing: rilettura dell’avventura, correzione di alcuni punti, chiarimenti su altri, composizione delle squadre. Il tempo è volato, e si è fatta l’una in men che si dica. Una veloce correzione ad alcuni dati delle schede dei PG e poi tutti a tavola (loro… perché io ero i servizio). Dopo i caffè giungono gli ultimi partecipanti: tutta la schiera di Chieti (con l’esclusione di Emilano che giungeva con un oretta di ritardo per improrogabili impegni logistici), IronCrow da Ascoli Piceno e Orlando Bracciodiquercia dalla vicina Giulianova.
La sala destinata al torneo era ampia, ben arieggiata ed illuminata. Quattro gruppi di tavoli hanno così ospitato le squadre:
1) Giovanni, Francesco, Pierpaolo ed Emiliano (tutti di Chieti), con master Angio
2) Bracciodiquercia, Matteo (Chieti), Deimos e Wasael, con master Monfa
3) Geko, Valandur, Elyanna e Maso, con master Klint
4) Mumak, Endik, Taurnil e IronCrow, con master Marco
Alla manifestazione hanno assistito anche alcuni ragazzi di San Benedetto ed ha fatto pure la sua rapida comparsa Antonio del negozio fantasy di Giulianova “Il Drago della Costa”.
Dopo alcune ultime indicazioni al giocatori (regolamento, raccomandazioni, auguri e quant’altro) il torneo ha preso il via alle 15.00, e si è protratto sino alle 19.30.
La partecipazione è stata intensa e coinvolgente, tanto che alla chiusura della manifestazione, la giuria dei master ha deciso di assegnare un premio speciale per l’ottima recitazione ed interpretazione del gruppo n° 1! Magistrali! Sembrava di assistere ad una recita teatrale. Veramente bravi: complimenti a Giovanni, Francesco, Pierpaolo ed Emiliano che si sono aggiudicati un acquarello raffigurante la “Porta di Durin” eseguito dalla fidanzata di Geko.
La scelta del gruppo vincitore è stata sofferta ed ottenuta con uno scarto di soli tre (e dico ben solo tre punti).
La palma dei vincitori è stata assegnata alla squadra n.° 3: Geko, Valandur, Elyanna e Maso. La loro squadra ha ottenuto una valutazione finale (interpretazione + tecnica di gioco – condotta + punti bonus per l’evoluzione della storia) pari a 63, contro un parimerito di 60 punti ottenuto delle squadre n° 1 e n° 4. La classifica è stata chiusa dalla squadra da me masterizzata con una valutazione finale di 47 punti. Purtroppo si è dovuto penalizzare la squadra n° 2 con 10 punti per la dipartita di uno dei suoi componenti, ucciso in uno scontro con un’orchetto. Mammamia che tiro per colpire che ho fatto…: tra bonue e malus ho ottenuto una serie 97 + 99 + 92 che mi ha dato un totale di 335, con un Colpo Critico E da punta ed un Colpo Critico A da taglio. Mi è bastato ottenere un terrificante doppio zero per il Colpo Critico E per infilzare, come un pollo allo spiedo, il povero Matteo.
Dopo le rituali fotografie scattate per la cerimonia di premiazione, il gruppo di Chieti, ed i due giocatori di Ascoli Piceno e Giulianova si congedavano fra abbracci e pacche sulle spalle.
La splendida serata si è conclusa con la cena: una bella tavolata dove hanno mangiato e bevuto tutti, e dove uno ha traumatizzato una cameriera (le avance del Maso non sono mica roba da baubaumiciomicio… scherzate? Tzè! Ma lascio ad altri il compito di parlare del Maso. Io sono di parte e quindi fazioso e tendenzioso).
Fra battute, più o meno colorite, bottiglie di brachetto, caffè, grappa e rum (la mia riserva personale segreta… sigh… una bottiglia di Old Riserve Plantation of Barbados 1995…), la serata si è protratta sino alla mezzanotte, quando stanchi ma soddisfatti, gli ultimi partecipanti si sono ritirati nelle loro camere o sono ritornati alle loro magioni.
Che dire… è stata una giornata indimenticabile. Bellissima. Ci siamo divertiti tantissimo e sicuramente la riproporremo anche l’anno prossimo.
Un ringraziamento doveroso a tutti quelli che si sono prodigati nel sostenere la mia iniziativa, nel divulgarne la notizia e soprattutto a chi ha partecipato, rendendo possibile il realizzarsi della manifestazione.

 

I COMMENTI DAL FORUM

 

...:: MARCO (Chieti) - Master della squadra n° 4 ::...

Ciao a tutti,
è stato davvero bello ed emozionante partecipare al tonreo di girsa !!!!!! Volevo ringraziare tutti per la bella gornata passata insieme e per la bella avventura! Mi sono davvero emozionato tantissimo a fare il master a girsa dopo tanti anni!!! Speriamo di rivederci presto.
Ps: e già, il mio manuale è veramente mal ridotto!!!!!!!!!

 

...:: DEIMOS (ROMA) - GIOCATORE della squadra n° 2 ::...

Ciao ragazzi,
un saluto per voi dopo il rientro a Roma. E' stato bello partecipare al torneo, sicuramente l'esperienza si ripeterà l'anno prossimo.

 

...:: GEKO (ROMA) - GIOCATORE della squadra n° 3 ::...

[...] faccio i miei più sinceri complimenti al Monfa per l'impeccabile organizzazione e ringrazio tutti i partecipanti (eravamo in 20!) per aver reso possibile un evento così straordinario (per me e per tutto il "GiRSA crew" è stata un'enorme soddisfazione, un memorabile successo e un importantissimo traguardo) [... ]
P.S.
Per il Maso: abbiamo vinto!

 

...:: ANGIO (bRESCIA) - Master della squadra n° 1 ::...

Ormai avete già detto tutto e non posso far altro che essere d'accordo e ribadire ulteriormente che è stato veramente un fantastico evento!!!
Devo dire che non mi ero mai divertito così tanto a fare il master...
L'unica nota stonata è stato il viaggio di ritorno a Brescia ... 8 interminabili ore di macchina con il Maso e la sua maledetta medaglia!!!
Ci sentiamo presto, grazie a tutti per la bellissima esperienza

 

"Girsa crew" non è stato creato per fini di lucro.

Non è nostra intenzione infrangere alcuna legge sul "copyright" e per tanto è vietato riprodurre

il materiale e/o il contenuto presente su queste pagine per scopi commerciali

Tutti i nomi, i marchi e i logo appartengono ai legittimi proprietari.