DEDICATO AI GIOCHI DI RUOLO D'ISPIRAZIONE TOLKIENIANA 

 

menù -->

gdr / download

tolkien

TAVERNA

rubriche

LA CREW

info

SOTTOmenù -->

AVVENTURE & CO. INCONTRI

HUMOR

PG & CO. CHI SIAMO

 

-= LA CREW =-

...:: INCONTRI ::...

PARTE II

 

La prima "Marsica & Rome GiRSA Jam Session"

12-13-14/07/2002

 

Anziché raccontarvi di persona cosa è successo in quei tre memorabili giorni, ho pensato di riportare qui di seguito tutti i post che sono stati lasciati sul nostro Forum dai protagonisti dell’Evento.

Non credo ci possa essere descrizione migliore di quella che è stata la Prima Ufficiale "Marsica & Rome GiRSA Jam Session" !

Buona lettura.

...:: ANGEL AKA VALANDUR ::...

Comincio ad analizzare e raccontare per primo (e sommariamente) quello che è accaduto durante la tre giorni marsicana.

VENERDÌ 12/07:

Raduno e partenza da Roma (in ritardo come al solito!) dei Tre Moschettieri che dovranno tenere alto l'onore della capitale in terra marsicana.
Dopo un viaggio più lungo del previsto causa immane ingorgo nel tratto urbano della A24 (Roma non si smentisce mai!), si arriva finalmente al casello di Avezzano, dove si svolge il primo incontro e saluto (breve) con Klint e Ned, i quali ci guidano rapidamente attraverso le strade della loro città, fino alla prima tappa del viaggio: il bar centrale, dove ci attendono (arriveranno in breve tempo) Radek ed Endik; si chiacchiera, si beve e si fa conoscenza, cercando di rompere il ghiaccio e di arrivare fino all'ora di cena, quando arriverà anche l'ultimo componente del gruppo: Taurnil, che ci raggiunge direttamente in pizzeria.
Si chiacchiera, si mangia, si beve e si cominciano a raccontare le gesta dei vari personaggi nei due gruppi, ricordando ora un episodio, ora l'altro, che fosse eroico, ridicolo, emozionante o simpatico (quelli ridicoli, chissà perché, erano la maggioranza), e quando l'ora si comincia a fare un po’ più tarda ci si trasferisce a casa dell'ultimo arrivato che ci offre qualche bicchierino proveniente dalla sua cantina.
Il sonno comincia a farsi sotto, quindi dopo un’ultima bevuta i Tre Moschettieri vengono ospitati nella casa di Ned, fino a crollare rapidamente nelle braccia di Orfeo.
SABATO 13/07:
Dolce risveglio a casa di Ned (con i Ringo in mano, non fosse stato per la barba, sembrava mia mamma che mi porta la colazione a letto), raduno al bar con gli altri e partenza per la casa di campagna di Endik. All'arrivo si decide per una sana passeggiata tra i boschi, VERGOGNOSAMENTE boicottata dai Tre Moschettieri, i quali ottenuto (senza molta fatica) l'appoggio di Radek, hanno cominciato a rallentare la loro andatura fino a raggiungere la velocità di lumache zoppe (se esistessero), intervallate da frequenti e prolungate soste (per tirare il fiato), fino al momento in cui gli altri, rassegnati, hanno deciso per un rapido ritorno a casa.
E qui è veramente cominciato l'Evento, con il BVZK (Buon Vecchio Zio Klint, per chi non lo sapesse) che ci ha esposto il prologo dell'avventura, e ci ha fatto immergere nuovamente nel mondo del Professore. Dalla tarda mattinata fino a notte inoltrata, non si è fatto altro che:
Fumare (tanto)
Ridere (bene)
Mangiare (tanto e bene)
Bere (tanto e bene)
...E GIOCARE DI RUOLO!!!!!!
Quando ormai eravamo un po’ tutti cotti (soprattutto i tre valorosi moschettieri) siamo andati a nanna (alle 4:00 passate), stanchi ma soddisfatti (e con il pancino pieno).
DOMENICA 14/07:
Appena alzati si riprende rapidamente dal punto in cui eravamo rimasti e cioè:
Fumare (tanto)
Ridere (bene)
Mangiare (tanto e bene)
Bere (tanto e bene)
...E GIOCARE DI RUOLO!!!!!!
Tutto questo (tranne brevi soste tecniche, tipo pipì o piatto di fettuccine al sugo di carne fumanti) fino all'ora di cena quando, a malincuore ci siamo dovuti salutare (piangendo tutti insieme davanti alle ultime braciole di maiale cotte alla brace), perché gravi ed importanti "questioni di grande momento" attendevano i Tre Moschettieri al loro ritorno a casa.
CONCLUSIONI:
Meglio di così non poteva andare, complimenti alla Compagnia del Carretto per la loro ospitalità, la loro simpatia, e la loro competenza e bravura nel Gioco (ci siamo subito trovati bene con Voi, come giocatori e come personaggi).
Unico neo: non siamo riusciti a concludere l'avventura propostaci dal Maestro di Cerimonia, il BVZK, ma non temete, i Tre Moschettieri non lasciano le cose a metà, ci ritroveremo e daremo il fatto loro a quella plebaglia vestita a lutto che ha osato levare i propri archi contro di noi!!!!
Ciao a tutti
Valandur
P.S. da Master a Master (tutti e due con la emme maiuscola): complimenti!!!

...:: ALESSIO AKA GEKO ::...

Bravo Angel !
Quasi mi venivano i brividi nel rileggere quello che effettivamente è stato.
Come vi ho detto per e-mail: tutto ottimo, davvero !
Sono rimasto decisamente impressionato dalla simpatia degli amici Marsicani (non ne avevo il minimo dubbio, cmq) e anche dalla loro bravura al tavolo di gioco.
Ma non solo.
Qualcuno si è superato dietro i fornelli: vero Vale’ ?
Qualcun altro ha dato sfoggio di ampissima cultura a 360° in qualsiasi argomento di discussione: dal Rugby a Caporetto, dal calcio alla Volpe del Deserto, dalla politica alla Nazionale di Trapattoni, dalla Storia al disastro di Sarno, da Totti al vino, passando ovviamente per il GiRSA … GRANDISSIMO, INIMITABILE, IMPAREGGIABILE, SIMPATICISSIMO NAPO !
Qualcuno ha deliziato le platee con un’ora di vero spettacolo sportivo: un misto di pallavolo, pallamano, calcio, basket, con relativo scavalco dei cancelli, dalla serie: "Chi ce la manda, ci va !" (i quattro grandiosi atleti erano: Endik aka Max, Valandur aka Angel, Taurnil aka Napo e me medesimo in quanto tale aka Geko).
Qualcun altro ha creato il tormentone della tre giorni: "Ma che cazzo state a di’ !" … eh Marc ?
E che dire delle quattro strepitose torte alla ricotta che sono riuscito a procacciare venerdì pomeriggio prima di partire ? La vera costante dell’Evento ! Deliziose. Ho ancora stampata in mente la faccia di Napo che, mentre ne divideva una in otto parti si è rapidamente infilato in bocca la parte centrale, quella rotonda, e al mio improvviso sopraggiungere ha cercato di fare il vago … tipo Fantozzi con le famose crocchette (o erano supplì ?) … scena meravigliosa !
Sono state molte (ma mai troppe) le ore passate al tavolo di gioco: ogni tanto qualcuno si spostava sui divani/poltrone per riposare un po’ la schiena o per fuggire al calore del caminetto crepitante (la brace è brace, mica copertone !). Lunghe e piacevoli. Mi associo quindi ai complimenti di Angel nei confronti dello Zio e aggiungo anche i miei personalissimi a tutta la comitiva di sciroccati che hanno giocato alla grande.
Ci sarebbero tantissime altre cose da dire, ma sono sicuro che gli altri arriveranno presto a lasciare la loro opinione (e i loro ricordi) e quindi concludo dicendo che:
"La compagnia delle cinque lune" terminerà la missione in cui si è infilata (non è poi così improbabile riuscire a trovare una domenica libera per terminare l’opra) … e finché ci sarà Gruff a "nascondersi" nel nostro carretto potete anche spezzarvi l’osso del collo: dopo 24 ore tornerete a fare i salti mortali tra mille e più pericoli!
See ya, my friends.
P.S. Dimenticavo: Marc, chi è lo sfigato con i dadi? Nonostante la terribile ed impressionante sequenza di 0x che ho inanellato, sono riuscito a metter le pezze a tutti!

...:: ALESSIO AKA GEKO ::...

Ogni tanto mi sovvengono alcuni episodi particolari della tre giorni e ... mi vien da ridere da solo !
Napo (aka Taurnil) è stato mitico: da solo è riuscito a "disturbare" 7 persone che alle 4.00 di sabato mattina giocavano e parlavano animatamente ad alta voce ... solo contro sette vocioni che discutevano contemporaneamente ... come ha fatto ? Chiedetelo all'interessato ... vi assicuro che è stato un episodio a dir poco comico !
Dico solo che lo Zio ad un certo punto si è dovuto fermare un attimo (e porre "rimedio" !) perché non riusciva più a far sentire la sua voce a noi altri giocatori !
Ad ogni modo l'esternazione di Ned (aka Marc) è un altro di quegli episodi: uno dei tanti tromentoni ! Il famoso "ma che cazzo state a di' !" era la sua frase preferita per porre termine ai vari discorsi che nascevano durante l'arco della giornata ... e non, quindi, un offesa o un'espressione di disappunto !
Un po' come la battaglia di Hastigs ... opsss ... forse ho commesso un errore madornale a nominarla.
Aiuto!

...:: MAX AKA ENDIK ::...

Salve a tutti, Endik al vostro servizio.

Insomma vi siete divertiti!
Bene, bene.
Non ho ancora avuto modo di parlare con gli altri, perché sono ripartito subito per L'Aquila, quindi esprimerò il mio punto di vista:
E' STATO UNO DEI FINE SETTIMANA PIÙ BELLI!!!
Mi associo a tutte le belle cose fin ora citate dai cari Geko e Valandur e vi ringrazio per i complimenti. Effettivamente una delle cose che mi ha colpito di più è stato l'immediato affiatamento che si è manifestato. Questo ha fatto si che, nonostante la partita non terminata e i vari mal di testa (che il Sauron se li porti), ci siamo comunque trovati bene.
Rifacciamolo presto amici.

...:: VALERIO AKA KLINT ::...

Scusate il ritardo, ma il lavoro mi ha tenuto piuttosto impegnato in questi ultimi giorni, lasciandomi ben poco tempo da dedicare agli hobbies.
Comunque... finalmente eccomi qui e, come richiesto, tenterò di analizzare a mente fredda l'andamento della Marsica-Roma GiRSA Jam Session.
Lo farò utilizzando uno stile che tanto caro fu all'inimitabile Isaac Asimov (per chi lo conosce e sa di cosa sto parlando, bene, per chi no, ciccia!).
Dunque...
Nel mondo al di fuori della realtà, si è verificato più di un evento in grado di giustificare l'entusiasmo e la soddisfazione dei partecipanti all'Evento. Nei giorni del 12-13-14 luglio dell'anno 2002 si sono incontrati cinque burberi marsicani con tre scafati cittadini romani. Le passeggiate, le mangiate, le bevute, i racconti, le pseudo attività sportive, le prese in giro e gli scherzi sono andati al di là di ogni più rosea previsione, consentendo a due gruppi di persone che mai si erano incontrate prima di sentirsi a proprio agio come se si fosse trattato di un incontro tra vecchi amici. Una citazione a parte le meritano le numerose ed interminabili discussioni che è stato possibile intraprendere (soprattutto grazie all'incredibile Napo) ed in cui si è parlato di tutto: storia, calcio, rugby, calcio, economia, calcio, politica, calcio, giochi di ruolo, calcio, computer, calcio, arti e mestieri... oops! quasi quasi dimenticavo di menzionare il calcio! In conclusione, per quanto attiene agli eventi accaduti nel mondo al di fuori della realtà, non posso che essere d'accordo con gli altri: tutto molto piacevole e divertente.
Nel mondo reale, nel frattempo, la fervida mente di un Master severo ma imparziale ha fatto sì che sette personaggi piuttosto sciroccati (ai quali, a mia insaputa, sembra che sia stato dato il nome di Compagnia delle Cinque Lune) riuscissero ad infilarsi in un’incredibile storia d’intrighi e misteriosi assassini che, guarda un po' il caso, li ha portati tutti ad incontrarsi nelle affollate vie della città portuale di Pelargir, nel Reame di Gondor. In seguito, il dipanarsi della vicenda ha portato i nostri eroi ad avere a che fare con, nell'ordine: una setta religiosa composta da abili assassini e chierici malvagi che hanno la lugubre caratteristica di vestirsi tutti di nero, un nutrito gruppo di predoni Variag incontrato durante l'attraversamento delle desolate lande dell'Harondor, un paio di Unca che hanno fatto venire le palpitazioni ad almeno un paio dei nostri (cos'è un Unca? Se non lo sapete andatevi a leggere il saggio sulle Terre del Sud che potete trovare sul sito), un fantasma di un antico Guerriero appartenente al popolo che fu progenitore dei Rohirrim, ed infine una misteriosa città in rovina ed una serie di tombe che custodiscono numerosi arcani segreti, il tutto condito con il miraggio di un favoloso tesoro connesso con un contingente delle truppe di Gondor che sembra essere svanito nel nulla. A ben guardare, nel mondo reale c'erano tutti gli ingredienti perché si riuscisse a dar vita ad un'Avventura memorabile. In realtà, a mio avviso, l'Avventura è stata solo discreta, perché durante il suo svolgimento non è stato possibile ovviare sempre al meglio ad alcuni inconvenienti che si sono verificati. Mi riferisco ad alcuni fastidiosissimi mal di testa che hanno colpito alcuni dei partecipanti in momenti diversi e, soprattutto, alla difficoltà iniziale riscontrata da Master e Giocatori allorquando si è trattato di effettuare un ragionevole compromesso tra due stili diversi di gioco. Ed è stato soprattutto a causa dal rallentamento prodotto dai succitati inconvenienti che non è stato possibile terminare l'Avventura, la quale, alla fine, ha lasciato Master e Giocatori con un po' di amaro in bocca e con il desiderio di riorganizzare un secondo incontro per permettere di terminarla come si deve.
Con l'auspicio che tale secondo incontro si possa organizzare in tempi brevi e con soddisfazione di tutti, vi lascio e vi mando il mio più caloroso
Yawurza Man'Garraap!
K.

...:: EMILIO AKA RADEK ::...

Con un po' di ritardo ma voglio darvi la mia impressione: perfetto. Non penso che se avessi avuto la possibilità di decidere io come doveva andare, sarei riuscito a fare di meglio. Chiaramente escludo i vari mal di testa, mentre sono quasi felice che non abbiamo terminato l'avventura, cosi c’incontreremo nuovamente. Il feeling e' stato quanto di meglio si potesse sperare, provate a pensare a due gruppi che non si sono mai visti e si sono solo scambiati qualche opinione in un forum e poi pensate a che velocità ci siamo adattati ed integrati (penso che sia comunque qualcosa di sorprendente).

Se lo sapevo prima, le lune sarebbero state sette (come il numero dei personaggi) però oramai quello che e' fatto e' fatto e quindi ci teniamo le cinque lune.
Adesso passiamo alle cose serie: quando si fa il secondo round???? Iniziamo a pensarci.
Per finire voglio dire che sarei veramente felice di poter accettare l'invito in Sardegna e come me la pensano almeno un paio di componenti delle cinque lune (basta con Roma e Marsica). Il problema sarà organizzare il tutto ma penso che terminata la jam session in corso ci si possa pensare.
Ora vi abbandono e mando un saluto soprattutto a quelli che non hanno potuto unirsi a noi, sperando di poter colmare la mancanza in futuro.
Un giro di birra anche per voi,
ciao Radek-kedàR

...:: MARC AKA NED ::...

"Ma che cazzo state a di’ !"

 

"Girsa crew" non è stato creato per fini di lucro.

Non è nostra intenzione infrangere alcuna legge sul "copyright" e per tanto è vietato riprodurre

il materiale e/o il contenuto presente su queste pagine per scopi commerciali

Tutti i nomi, i marchi e i logo appartengono ai legittimi proprietari.